I Maneskin si raccontano a “Vanity Fair”: “Il vero fidanzamento è tra di noi”

I Maneskin si sono raccontati in una lunga intervista a “Vanity Fair” in edicola da oggi mercoledì 9 giugno. Dopo i trionfi e le bufere da cui sono reduci, hanno parlato del significato intrinseco nelle loro canzoni, nel loro modo di fare musica e nella “rivoluzione” di cui si fanno portavoci. Elementi caratterizzanti di un manifesto “pop glam rock generazionale di libertà conquistate a caro prezzo” si legge sulla rivista, elementi che sono arrivati persino a star internazionali come Miley Cyrus, sottolineando numeri da record: “Gli streaming di ‘Zitti e buoni’ crescono di secondo in secondo, e ci portano sopra ai Muse, sul tetto delle classifiche inglesi, dodicesimi nella Spotify Global Chart […]” ha affermato Thomas chitarrista del gruppo;  “Ha iniziato a seguirci Miley Cyrus. ‘Sei una grande’. ‘Voi di più’”, ha aggiunto Damiano, frontman della band.

Il cantante ha spiegato cosa significa la scelta del rock, cosa significa fare musica: “La musica permette questo miracolo di estendere ad altri argomenti molto personali e privati, difficili anche, delicati. Sono e restano profondamente tuoi, ma al tempo stesso diventano una confessione che arriva a un pubblico più ampio […] Un attimo prima è aggressivo, un attimo dopo una ballata. Catartico”.
Per Victoria, volto femminile del gruppo, che ha sofferto di ansia e attacchi di panico, la musica è terapia: “Suonare mi ha aiutata a non lasciarmi paralizzare dalle mie paure, a non farmi limitare nella mia vita privata e professionale”.

“Siamo fuori di testa. Ma diversi di loro” è una delle frasi iconiche del brano che li ha portati alla vittoria: “Sentire una passione forte verso qualcosa che non è un mestiere canonico ma un linguaggio artistico, ti pone su un livello di anomalia […] ti mette nella condizione di quello che rompe gli schemi” ha affermato il cantante. “Che poi in fondo siamo tutti diversi non perché vogliamo essere alternativi ma perché davvero nessuno è uguale” ha aggiunto Ethan, il batterista.

E’ recente il commento di Emma sulla vittoria dei Maneskin all’Eurovision: in un’intervista rilasciata al “Corriere della sera” Emma aveva parlato di sessismo mosso nei suoi confronti ai tempi della sua esibizione: “Il giudizio facile contro il femminile è più feroce, costante, svilente […] Da maschio sono privilegiato, le molestie che subisco non sono paragonabili a quelle che vive una donna, i commenti sulla mia estetica sono incentrati solo sulla mia estetica e non vanno a insinuare nulla sulla mia professionalità e la mia competenza, mentre le donne sono vittima di questo tipo di pensiero in maniera sistemica” ha specificato Damiano. E dopo aver parlato dell’amore, Thomas si è fatto portavoce del sentimento comune: “Il vero fidanzamento, la vera famiglia è tra di noi, la nostra band”. 

Tags: Damiano David , Ethan Torchio , Maneskin , Thomas Raggi , Vanity Fair , Victoria De Angelis