Apple, è finita l’era dell’iPod: interrotta la produzione

Dai walkman, il lettore di musicassette più famoso di sempre, all’MP3 il passo è stato tutt’altro che breve. Quel piccolo strumento era in grado di raccogliere tutte le nostre canzoni del cuore. Poi è arrivato l’iPod ed è stata una rivoluzione immensa durata però solo vent’anni. Un’era ufficialmente finita. Apple ha infatti preso la sua decisione: l’iPod, il lettore musicale più famoso al mondo, non verrà più prodotto.

Non esisteva da tempo il modello classico che conosciamo tutti, un piccolo dispositivo, disponibile in tantissimi colori, caratterizzato da una ruota cliccabile che ci permetteva di selezionare i brani del nostro cuore, accuratamente selezionati. Era stato sostituito dall’iPod Touch, la cui settima e ultima versione risale al 2019. Ora ne è stata annunciata definitivamente la fine: l’iconico lettore musicale verrà venduto fino a esaurimento scorte. Questo è il tempo dello streaming, degli iPhone, degli Apple Watch e iPad.

«La musica è sempre stata parte del core di Apple, come portarla a centinaia di milioni di utenti. Gli iPod hanno impattato non solo sull’industria musicale, ridefinendo anche il modo in cui si scopre la musica, la si ascolta e la si condivide. Lo spirito dell’iPod sopravvive. Abbiamo integrato un’esperienza musicale incredibile in tutti i nostri prodotti, dagli iPhone agli Apple Watch, fra anche Mac, iPad ed Apple TV. Apple Music offre una qualità del suono leader nel settore grazie al supporto per l’audio spaziale: non c’è modo migliore di godere, scoprire e vivere la musica» ha dichiarato Greg Joswiak, Senior Vice President Worldwide Marketing di Apple.

Tags: Apple , Greg Joswiak , iPod , MP3