Beyoncé: la donna oltre Queen Bey

Beyoncé, alla soglia dei 40 anni – che compirà il 4 settembre – , si è raccontata in una lunga intervista ad Harper’s Bazaar: «Il primo decennio della mia vita è stato dedicato al sogno. Dato che ero un’ introversa, non parlavo molto da bambina […] Ora sono grata per quei timidi anni di silenzio. La timidezza mi ha insegnato l’empatia e mi ha dato la capacità di connettermi e relazionarmi con le persone» esordisce così l’icona del pop che a 10 anni aveva già registrato “almeno 50 o 60 canzoni in studio”.

«Nessuno nella mia scuola sapeva che potevo cantare perché parlavo a malapena. Ho investito la mia energia nelle Destiny’s Child e nel sogno di ottenere un contratto discografico e diventare musicista. […] Ho sacrificato molte cose e sono scappata da ogni possibile distrazione. Mi sentivo come una giovane donna di colore che non poteva permettersi di sbagliare. […] Volevo rompere tutti gli stereotipi della superstar nera, che fosse vittima di droghe o alcol o dell’assurdo malinteso che le donne nere fossero arrabbiate. Sapevo che mi era stata data questa straordinaria opportunità e mi sentivo come se avessi una possibilità. Mi sono rifiutata di rovinare tutto, ma ho dovuto rinunciare a molto». Quei sacrifici sono serviti e le hanno permesso di diventare quella che è oggi: madre, diva, cantante, produttrice, imprenditrice e capo di se stessa: «Sono diventata indipendente a 27 anni e ho fondato la Parkwood Entertainment. All’epoca non esisteva un’azienda che facesse ciò di cui avevo bisogno o che gestisse le cose come volevo. Quindi, ho creato un’agenzia creativa, un’etichetta discografica, una società di produzione e una società di gestione per produrre e lavorare su progetti che significavano di più per me. Volevo gestirmi da solo e avere un’azienda che mettesse al primo posto l’arte e la creatività. Ho riunito questi giovani visionari e pensatori indipendenti con cui collaborare. Volevo che le donne forti ricoprissero ruoli chiave in tutta la mia azienda, quando la maggior parte del settore era ancora dominato dagli uomini».

Poi i 30 anni, il tempo della famiglia, il tempo di far emergere se stessa oltre la carriera, oltre il personaggio: «I miei 30 anni riguardavano l’inizio della mia famiglia e la mia vita stava diventando qualcosa di più della mia carriera. […] I miei 30 anni riguardavano lo scavare più a fondo. Nel 2013, ho fondato BeyGOOD per condividere la mentalità secondo cui tutti noi potremmo fare qualcosa per aiutare gli altri, qualcosa che i miei genitori mi hanno instillato fin dalla giovane età, per ispirare gli altri a essere gentili, caritatevoli e buoni».
«Durante la mia carriera, ho voluto stabilire dei confini tra il mio personaggio sul palco e la mia vita personale. Mi sono circondata di persone oneste che ammiro, che hanno le loro vite e i loro sogni e non dipendono da me» ha aggiunto Beyoncè che è pronta a tornare con nuova musica: «Con tutto l’isolamento e l’ingiustizia dell’ultimo anno, penso che siamo tutti pronti a scappare, viaggiare, amare e ridere di nuovo. Sento che è tempo di rinascimento e voglio contribuire a coltivare quella fuga in ogni modo possibile. Sono in studio da un anno e mezzo […] Sì, la musica sta arrivando!»

Tags: Beyoncè , Destiny's Child , Harper's Bazaar , Intervista , Parkwood Entertainment , Queen Bay