“Britney vs Spears”: la pop star si dissocia dal documentario sulla sua vita

Mancano poche ore alla sentenza che decreterà le sorti di Britney Spears, soggetta alla tutela del padre da 13 anni e da lei definita una prigione, una trappola che non le permette di vivere la propria vita.

E’ stato rilasciato qualche giorno fa il documentarioincentrato sulla conservatorship intitolato “Britney vs Spears”, da oggi disponibile anche su “Netflix” Italia. «Ho lavorato tutta la mia vita, non devo niente a nessuno. Voglio solo indietro la mia vita» sono queste le parole di Britney, dalle prime immagini diffuse dalla piattaforma.

Tuttavia la cantante non sembra aver gradito buona parte del documentario e lo ha dichiarato attraverso un post pubblicato ieri sera su Instagram. Inizialmente la Spears aveva scritto che “molto di quanto sentito non era vero” ma la frase è stata modificata: «È davvero pazzesco ragazzi… ho visto un po’ dell’ultimo documentario e devo dire che mi sono grattata la testa un paio di volte!».

La cantante ha aggiunto: «Cerco davvero di dissociarmi dal dramma! Numero uno: questo è il passato! Numero due: il dialogo può diventare più elegante? Numero tre: wow hanno usato le riprese di me più belle al mondo! Che dire. Grande sforzo da parte loro» ha scritto con un velo di ironia e amarezza.

Britney ne ha approfittato anche per ricordare “The Rose Project”, il progetto che da tempo confonde i fan, in attesa di gustare le “novità” da quando la cantante ha iniziato a pubblicare tempo fa, foto di rose e colore rosso. Chissà cosa ha in serbo la principessa del pop!

Tags: Britney si dissocia , Britney Spears , Britney vs Spears , documentario , fine della tutela