Critiche a Benigni per la dichiarazione a Nicoletta Braschi: “Ha copiato”

Genio, oratore, affabulatore, intellettuale, maestro. Sono solo alcuni dei tanti appellativi attribuiti a Roberto Benigni. L’attore e regista toscano ha dato prova dei suoi innumerevoli talenti nella sua carriera lunga 50 anni che gli è valsa il Leone d’oro alla 78esima Mostra del Cinema di Venezia solo pochi giorni fa. Felice, emozionato, grato, Roberto nel suo discorso di ringraziamento per il premio ricevuto, ha dedicato parole d’amore alla moglie Nicoletta Braschi. «Io conosco una sola maniera di misurare il tempo, con te e senza di te. Questa è la mia maniera di misurare il tempo. Possiamo dividere questo premio, io prendo la coda per manifestare la gioia e le ali sono tue, perché se qualcosa che ho fatto ha preso il volo è grazie a te». Un romanticismo d’altri tempi che ha colpito tanti. Non tutti. Benigni, infatti, nelle ultime ore sta ricevendo parecchie critiche ed è stato accusato di essersi “appropriato” di parole non sue. Anche Vittorio Sgarbi ha scritto sui social un post polemico diretto all’autore di “La vita è bella”. «”Stare con te o stare senza di te è l’unico modo che ho per misurare il tempo”, ha detto Benigni alla moglie al Festival di Venezia. Ma se non citi la fonte (Jorge Luis Borges) e fai il “fenomeno”, è plagio?”», ha chiesto retoricamente il critico d’arte. In effetti, un verso della poesia “È l’amore” di Borges recita: “Stare con te o non stare con te è la misura del mio tempo”. Ma lasciarsi ispirare da parole altrui, specie se incantevoli come queste, facendole proprie alla maniera di Benigni sembra ben lontano dall’essere considerato uno sbaglio. E che una dichiarazione così dolce, pura, profonda sia “sporcata” da critiche ingenerose lascia un po’ d’amaro in bocca.

Tags: Jorge Luis Borges , Mostra del Cinema di Venezia , Nicoletta Braschi , Roberto Benigni , Vittorio Sgarbi