Dani Alves, arrestato per violenza sessuale l’ex calciatore di Juve e Barcellona

Dani Alves è stato arrestato oggi, venerdì 20 gennaio, dopo essere stato accusato di violenza sessuale nei confronti di una donna in Spagna. Il calciatore brasiliano, ex Barcellona, Juventus e Paris Saint Germain, tra i più vincenti della storia, era stato chiamato a testimoniare questa mattina a Barcellona alla “Mossos d’Esquadra”, polizia catalana, riguardo la presunta violenza perpetrata lo scorso 30 dicembre in una discoteca catalana.

Il terzino, 39 anni, ora giocatore del Pumas, dopo l’interrogatorio è uscito dal commissariato a bordo di un’auto della polizia, pochi minuti dopo le 10, come sostiene “El Mundo Deportivo”. Secondo il quotidiano “La Vanguardia”, Alves è stato poi portato alla Ciutat de la Justicia di Barcellona, dove andrà in tribunale e aspetterà la decisione del giudice sulle sue accuse. “Associated Press” sottolinea come in Spagna l’accusa di violenza possa includere molteplici gesti illeciti, come il palpeggiamento sessuale senza consenso e indesiderato o come lo stupro.

L’accaduto risale a poche ore prima di Capodanno. La donna coinvolta si trovava nella discoteca “Sutton” della città catalana insieme ad alcuni amici per festeggiare. È lì che sarebbe entrata in contatto con il calciatore, che avrebbe toccato le sue parti intime senza consenso. Successivamente, come riporta ancora “El Mundo Deportivo”, la donna è stata accompagnata dai suoi amici a denunciare l’accaduto alla security del locale, che ha a sua volta attivato il protocollo avvisando la polizia. Questa ricostruzione è stata smentita dall’entourage del calciatore che al quotidiano “Abc” ha sostenuto come Alves si sia trovato nella discoteca per poco tempo e che lì non sia successo niente.

Tags: Barcellona , violenza sessuale , Dani Alves