Farfetch: dopo Neiman Marcus, anche il gruppo Kering abbandona il colosso dell’e-commerce

Non deve essere iniziato nel migliore dei modi questo 2024 per il colosso dell’e-commerce di lusso Farfetch: a distanza di sole ventiquattro ore dall’interruzione della collaborazione con il gruppo Neiman Marcus, infatti, anche il gruppo Kering ha ritirato tutti i suoi brand dalla piattaforma.

Sebbene non ci sia ancora un comunicato ufficiale da parte del gruppo proprietario di brand come Gucci, Bottega Veneta e Balenciaga, come riportato da WWD, il responsabile delle operazioni e della finanza di Kering, Jean-Marc Duplaix, avrebbe dichiarato che Farfetch, per loro, «non è un partner strategico». Duplaix avrebbbe inoltre affermato che l’incidenza delle vendite sulla piattaforma è stata pari al 12% perché, secondo il responsabile, il calo delle vendite nell’online rispetto a quelle effettuate nei punti fisici delle boutique sarebbe dovuto a una riduzione della visibilità dei vari brand all’interno dell’e-commerce.

Finora, né Farfetch né l’azienda proprietaria dell’e-commerce, Coupang, hanno rilasciato dichiarazioni pubbliche sulla causa, né avrebbero risposto a una richiesta di commento. Tuttavia, un portavoce di Farfetch ha rilasciato una dichiarazione via e-mail a Business of Fashion sulla questione NMG, nella quale si legge: «Continuiamo a collaborare strettamente con migliaia di marchi e boutique in tutto il mondo per fornire un’esperienza di lusso online elevata a milioni di clienti». 

Tags: Kering , Farfetch , Neiman Marcus