Franco Di Mare, addio al giornalista Rai, colpito da una terribile malattia: aveva 68 anni

«Abbracciato dall’amore della moglie, della figlia, delle sorelle e del fratello e dall’affetto degli amici più cari oggi a Roma si è spento il giornalista Franco Di Mare. Seguirà comunicazione per le esequie». Con queste parole la famiglia di Franco Di Mare ha comunicato in una nota, riportata dai principali media italiani, la scomparsa del giornalista Rai. Un addio doloroso che segue l’annuncio, pochi giorni fa, da parte dello stesso cronista del Servizio Pubblico della terribile malattia che gli aveva lasciato poco tempo da vivere.

Nato nel 1955, è stato giornalista dell’Unità, poi ha iniziato una carriera lunghissima e prolifica nelle redazioni della Rai. È stato inviato del Tg2, conduttore dello storico contenitore di Rai1 “Unomattina”, ma anche conduttore di “Frontiere”, di recente, prima di diventare direttore di Rai 3. Solo pochi giorni fa, ospite da “Che Tempo Che Fa”, è comparso in collegamento per raccontare della malattia che, purtroppo, lo aveva colpito. Un mesotelioma aggressivo, che non gli lasciava scampo, tanto da costringerlo a vivere gli ultimi giorni con un diffusore d’ossigeno attaccato.

La malattia l’ha contratta nei lunghi anni da inviato nei luoghi più terribili distrutti dalla guerra, riportò anche il Corriere. «(…) Sono stato a lungo nei Balcani, tra proiettili all’uranio impoverito iperveloci, iperdistruttivi, capaci di buttare giù un edificio. Ogni esplosione liberava nell’aria infinite particelle di amianto. Ne bastava una. Seimila volte più leggera di un capello». Sugli effetti della guerra e specialmente sulla “Sindrome dei Balcani”, «la lunga serie di malattie provocate dall’esposizione ai proiettili con uranio impoverito o dall’inalazione di particelle d’amianto rilasciate nell’aria in seguito alla distruzione di palazzi e complessi industriali», aveva scritto un libro ucito il 30 aprile 2024, “Le parole per dirlo. La guerra fuori e dentro di noi”. Giusto in tempo per raccontare con la sua voce gli effetti che la guerra fa anche a distanza di decenni e che purtroppo non lo hanno risparmiato.

[📸 MDPhoto / IPA]

Tags: Franco Di Mare , giornalista