Fratelli d’Italia, il deputato Mollicone: “In Italia le coppie omosessuali non sono legali” 

Criticato più volte sulle posizioni riguardo i temi LGBT, Fratelli d’Italia è finito nuovamente nell’occhio del ciclone. Nelle ultime ore è esploso sui social il dibattito attorno alle parole del deputato del partito guidato da Giorgia Meloni, Federico Mollicone, che tra l’altro è responsabile dei temi inerenti alla Cultura per la formazione di centrodestra. Intervistato da San Marino RTV, Mollicone stava parlando di un’altra polemica che lo ha visto protagonista di recente, riguardo una puntata di Peppa Pig che vedeva la presenza di due mamme.
 
«Stiamo parlando di un cartone animato per bambini di età prescolare, quindi bambini di 4 anni. Ditemi voi se dei bambini di 4 anni possono essere abituati, possono elaborare concetti complessi come le adozioni omosessuali e comprenderli e magari vederseli presentati come un fatto assolutamente naturale, quando non è…», dice il deputato di FdI. Interrotto dai giornalisti, che gli facevano presente che nella realtà queste situazioni i bambini le vivono, Mollicone poi replica: «Ma quello che abbiamo detto e aggiunto è che non c’è nessuna discriminazione, fermo restando che bisogna ricordare che in Italia le coppie omosessuali non sono legali, non sono ammesse».
 
Ciò che ignora Mollicone è che le unioni civili ci sono, come ricordato anche dalla giornalista di San Marino RTV, ma poco (o molto in realtà) importa. Restano le dichiarazioni che hanno immediatamente lasciato interdetti moltissimi utenti sui social e anche rappresentanti politici. Ma non solo. A intervenire nella polemica è stato anche Tommaso Zorzi, che dopo aver visto il video ha voluto rivolgersi direttamente in prima persona al deputato di Fratelli d’Italia su Instagram, con un direct pubblicato anche nelle story. «Alla luce delle tue parole io, da ragazzo omosessuale e soprattutto da contribuente, sono indignato di dover pagare le tasse a uno Stato che mi tratta nel modo in cui hai fatto tu. Credo tu abbia veramente tanto da imparare e le tue lacune, per la posizione che ricopri, sono inaccettabili oltre che grottesche. Povera Italia. Poveri noi», scrive Zorzi al deputato.

Tags: Federico Mollicone