Gianluca Vacchi, l’ex colf gli fa causa: “Se non ballavo a tempo su Tik Tok, spaccava tutto”

Anni di duro lavoro presto diventati un incubo. A dirlo è l’ex colf di Gianluca Vacchi, una signora di nazionalità filippina di 44 anni, che ha deciso di far causa alla star dei social. La motivazione riguarderebbe i video di Tik Tok realizzati dall’imprenditore, in cui venivano coinvolti molte volte anche i dipendenti che lavorano per lui. Tra questi anche la domestica che ha reputato le coreografie eseguite con l’influencer una “fonte di stress”. Secondo la versione della colf, infatti, nel caso in cui i dipendenti non fossero andati a tempo Vacchi scatenava la sua rabbia, inveendo “contro i domestici, lanciando il cellulare e spaccando la lampada usata per le riprese”, come riportato dal quotidiano “La Repubblica”.

La colf, seguita nella causa anche da altri due ex dipendenti, chiede un riscarcimento di 70 mila euro, aggiungendo anche straordinari e tfr non pagati. Nei tre anni di lavoro, infatti, la signora avrebbe dovuto lavorare solo 6 ore al giorno per 6 giorni alla settimana, ritrovandosi nella realtà a lavorare senza interruzioni fino a 20 ore senza beneficiare di ferie e straordinari. L’irascibilità di Vacchi, come riportato ancora da Repubblica, si scatenava per piccole cose che diventavano improvvisamente grandi, teorizzando addirittura “multe” idi 100 euro da detrarre in busta paga in caso di errori. Come quando i domestici non hanno fatto trovare gli occhiali da sole dell’influencer nella sua macchina o come quando gli sono state spostate le punture di testosterone dal solito posto.

Vacchi avrebbe anche chiesto alla domestica di firmare un contratto di riservatezza che impediva di divulgare informazioni a terzi. Nel caso in cui non fosse stato rispettato il patto, sarebbe scattata una penale da 50 mila euro da detrarre dal Tfr. Cosa ne è stato della colf? Pare sia stata licenziata con gli altri collaboratori, come si legge nell’atto civile.

Tags: Causa , Colf , Gianluca Vacchi , tik tok