Hermès, l’artista degli NFT “MetaBirkins” Mason Rothschild contesta la decisione della Corte a favore della maison

Dopo una lunga battaglia legale, la scorsa settimana il giudice della Corte distrettuale degli Stati Uniti Jed Rakoff ha vietato all’artista Mason Rothschild, il cui nome di battesimo è Sonny Estival, di mostrare i token digitali “MetaBirkins” nella prossima mostra “Andy Warhol: A Portrait of Commerce”, che avrà luogo a Stoccolma a ottobre 2024.

Secondo quanto riportato dal “WWD”, l’artista ha ora presentato una mozione di riconsiderazione nei confronti della decisione della Corte, che lo scorso anno aveva sancito un risarcimento di circa 133 mila dollari ed emesso un verdetto contro l’artista, responsabile della violazione e della diluizione del marchio, oltre che di cybersquatting per aver registrato e utilizzato il nome a dominio metabirkin.com.

Ispirato dall’accelerazione delle iniziative di moda “fur free” e dall’adozione di tessuti alternativi, infatti, Mason Rothschild ha coniato 100 NFT Non-Fungible Tokens, in vendita sulla piattaforma Looksrare, con una forbice di prezzo che varia dai 2 ETH, circa 4mila dollari, ai 100 ETH, corrispondenti a più di 160mila dollari. Dopo un anno di affronti in tribunale, la scorsa settimana la Corte ha ritenuto che gli NFT “MetaBirkins” fossero riferiti all’immagine di un modello di borsa ben riconoscibile, e che gli acquirenti avessero percepito gli NFT come contenuto collegato al celebre modello di borsa commercializzato da Hermès.

[📸 Instagram: metabirkin]

Tags: Hermès , Mason Rothschild , MetaBirkins