I personaggi famosi sono sempre obbligati ad assecondare i fan?

Il desiderio di incontrare il proprio idolo è sempre stato forte per chiunque, almeno una volta nella vita. Quella speranza di poterli vedere o anche solo di avere un autografo. Con i selfie questo meccanismo si è sempre più esasperato, con richieste pressanti che hanno incrinato il rapporto tra fan e vip. A volte sembra un’autentica caccia al vip, da importunare in qualsiasi occasione solo per il gusto di avere un ricordo.  

Alessandra Amoroso ad esempio, quest’estate, è finita al centro della critica, dopo essere stata ripresa mentre rifiutava di fare un autografo a una fan su un cuscino. «Se lo faccio a te poi gli altri ci rimangono male», si giustificò. Un tormentone estivo che però non ha ragionato su un discorso di fondo e cioè: ma le celeb saranno libere di valutare quando concedersi ai fan? Ma c’è anche chi, come sotto i nostri post, ha elogiato ad esempio personaggi come Anastacia e Russell Crowe, molto disponibili con i fan quest’estate. La prima con un piccolo concerto per strada, il secondo a Roma mentre si prestava ad alcuni selfie. Nei commenti molti vi siete sbizzarriti punzecchiando ironicamente proprio la Amoroso: «Ad Alessandra Amoroso non piace questa giovialità con i fan».

È facile però dire di continuo: “Che gli costa, è il loro lavoro”. Ma dimentichiamo che questi personaggi sono prima di tutto persone, che possono liberamente concedersi oppure no. Sono esseri umani, come noi. È umana, ad esempio, Dua Lipa che rifiutò un selfie perché in vacanza con la famiglia. O Cristiano Ronaldo, proprio nelle ultime ore, che ha detto no due volte a un selfie. Ma anche Madame, che l’anno scorso raccontò il selfie con una fan mentre mangiava con la sua famiglia, interrotta in questo modo: «Io non so cosa fai. Però ti ho vista a Sanremo. Possiamo farci una foto?».

Il punto è che forse bisognerebbe capire che il rapporto tra fan e artista deve rimanere sacro. Ma che con molta probabilità si dovrebbe fare i conti, alcune volte, con il rispetto della persona, prima ancora del ruolo pubblico che ha. E magari ci starebbe anche chiedersi in alcune situazioni: ma se ci fossi io al suo posto, come reagirei?

Tags: Alessandra Amoroso , Anastacia , Cristiano Ronaldo , Dua Lipa , privacy , russel crowe