Jeremy Scott: sarà lui il prossimo direttore creativo di Chanel?

Il mondo della moda è di nuovo in subbuglio, l’ennesimo ci verrebbe da dire, quando la scorsa notte Virginie Viard ha annunciato il suo addio alla maison dopo 5 anni di direzione creativa, essendo succeduta alla morte di Karl Lagerfeld.

Chanel è indiscutibilmente uno dei marchi simbolo oltre che della moda, del lusso, con un fatturato in continua crescita, una prosperità mai vista prima anche durante la crisi che ha colpito la maggioranza dei brand durante l’epidemia di Covid-19. Il marchio ha infatti registrato un incremento del 19% durante gli anni della Viard, sebbene in molti non colleghino esattamente la crescita alla direzione creativa della designer, quanto ad una crescita – con conseguente aumento dei prezzi – del luxury.

Al momento la domanda che scuote gli animi degli addetti al settore e degli appassionati è solo una, chi succederà alla direzione creativa del marchio con la doppia C? La Viard, con un’esperienza trentennale all’interno del brand, rappresentava ancora l’ultimo baluardo dell’eredità di Lagerfeld, essendo stata a lungo il suo braccio destro. Secondo molti, con la sua uscita, è giunto definitivamente il momento di svoltare pagina per il marchio, aprendo un nuovo capitolo “Post Lagerfeld Era”.

Ovviamente il toto nomi sul possibile successore è già in atto: nell’infinito valzer di poltrone degli ultimi due anni, sono tanti i designer che al momento potrebbero prendere il posto al timone della maison parigina. Da Pierpaolo Piccioli a Sarah Burton, voci insistenti hanno parlato di una possibile uscita di Hedi Slimane da Celine proprio per Chanel, mentre c’è chi sognerebbe un Marc Jacobs come direttore creativo, memore dei suoi trascorsi spettacolari da Louis Vuitton.

Nel marasma generale, c’è un altro nome che sta sempre più insistentemente prendendo piede nella lista dei papabili candidati, e stiamo parlando di Jeremy Scott. Direttore creativo di Moschino per 10 anni – lasciato lo scorso marzo 2023 – Scott si è sempre distinto per l’estetica camp e spettacolare, funny e pop, ma anche glamour ed altamente creativa, nonché connesso al celebrity system.

Amico di lunga data di Lagerfeld, pare che fosse stato proprio quest’ultimo a definire Jeremy Scott come “l’unico in grado di poter prendere la direzione creativa di Chanel” dopo di lui. Effettivamente l’avevamo visto proprio al Met Gala in onore di Karl Lagerfeld e sebbene ai tempi avesse chiaramente smentito la possibilità di poter un giorno adempire a tale incarico, ad oggi la rotta sembra essere cambiata.

Con questo non si sta ovviamente affermando con certezza che Scott sarà il nuovo direttore creativo di Chanel, ma che ci sia un posto speciale per lui nella lista dei candidati è un dato di fatto. Anche se apparentemente l’ironia degli show ai quali ci ha abituato nei suoi anni da Moschino sembrano distaccarsi dall’immaginario luxury della maison, in realtà le similitudini con Lagerfeld ci sono.

Anche Kaiser Karl sapeva essere un sognatore in grande, e soprattutto attingere alla pop culture trasportandola nello chic senza tempo del brand parigino per eccellenza: come dimenticare le sfilate ambientate nel maxi supermercato, o quelle sullo sfondo della navicella spaziale? Dietro le camicie inamidate e gli occhiali da sole scurissimi, Lagerfeld è stata un’insospettabile quanto conclamata pop icon, che è stata anche la sua fortuna aldilà dell’immaginario del genio creativo algido e perfezionista. Sebbene Scott ci abbia abituato ad un’immagine più scanzonata, a pensarci bene ha sempre espresso un approccio simile.

Non ci resta che attendere sviluppi e sapere se sarà lui la nuova mente dietro Chanel. In tal caso siamo sicuri, ci sarà da divertirsi.

[📷 Splash News / IPA]

Tags: Chanel , Jeremy Scott