Kenzo: quale sarà il futuro del brand con la direzione creativa di Nigo?

Lo scorso mercoledì sera, 19 Giugno 2024, si è tenuta a Parigi la sfilata Menswear Spring Summer 2025 di Kenzo. La sesta firmata da Nigo, direttore creativo della maison dal 2021. L’obiettivo e il main core dello show era raccontare e celebrare l’identità unica del marchio, un perfetto mix tra Francia e Giappone, tra cultura pop e heritage storico della maison. Il risultato ha visto completi workwear mimetici con motivi di foglie di bambù e giacche decorate con riproduzioni della Tour Eiffel ma nel più autentico touch giapponese.

Tra gli ospiti, Pharrell Williams, seduto in prima fila, ma anche l’attrice Juliette Binoche, e fenomeni pop come Maluma, Pusha T, French Montana e Vernon dei Seventeen, che hanno letteralmente mandato in visibilio i fan. Una storia complicata quella della maison: fondata nel 1970 da Kenzo Takada, Kenzo era originariamente nota per le sue stampe colorate e le stravaganti silhouette in pieno stile “post-hippie”; successivamente si evolve in un brand dailywear di grande successo, un successo senza sosta che l’ha visto protagonista dagli anni ’80 ai primi anni 2000.

Nel 2010, nel pieno del boom dello streetwear, Carol Lim e Humberto Leon, – founder di Opening Ceremony -, furono assunti come direttori creativi cavalcando, o meglio anticipando, le tendenze del momento con abili operazioni di marketing, che hanno visto il loro sviluppo più emblematico e concreto nell’iconica felpa con la tigre, diventata un must have iper riconoscibile del brand.

Ma dopo l’hype sconfinato, pian piano le tendenze cominciarono a mutare, così come la clientela; nemmeno una nuova direzione creativa guidata da Felipe Oliveira Baptista riuscì a cambiare le cose. Tutte le collezioni portate in passerella passavano letteralmente in sordina, e Kenzo era riconosciuto semplicemente come il brand delle felpe con la tigre e con logo, un item perfetto soprattutto per loschi contraffattori, che ne hanno riprodotte tantissime copie finte.

Poi, nel 2021, è arrivato Nigo. In quanto designer giapponese con una credibilità internazionale di lunga data nel mondo dello streetwear (ha fondato A Bathing Ape, uno dei primi capisaldi dello streetwear, e ha co-fondato il Billionaire Boys Club con Pharrell Williams), si sperava che Nigo potesse contemporaneamente riaffermare i legami giapponesi del marchio rinvigorendo al contempo le linee streetwear che ne hanno alimentato l’attività odierna.

Tuttavia, come in molti stanno sostenendo, lo streetwear sta lentamente perdendo terreno rispetto al passato e sebbene la collezione presentata al Jardin du Palais Royal si sia dimostrata sufficientemente variegata e stimolante, non è probabilmente abbastanza per definire il nuovo percorso di un brand che ha già vissuto innumerevoli cambi di rotta.

Quale sarà dunque il futuro della maison? Abbandonerà la direzione street per percorrere le strade del suo heritage iniziale o si imbatterà in un percorso del tutto nuovo?

[📷 kenzo.com]

Tags: Kenzo , Nigo , Spring Summer 2025