Kim Kardashian: lo staff minaccia di intraprendere azioni legali

Alcuni membri dello staff al servizio di Kim Kardashian stanno minacciando di intraprendere azioni legali contro la star a causa delle condizioni di lavoro in cui versano e dei mancati diritti che spetterebbero loro in quanto firmatari di un contratto.
Una fonte ha rivelato al “The Sun” che la causa coinvolge “lavoratori domestici impiegati a casa sua che potrebbero essere stati classificati erroneamente come contraenti indipendenti invece che dipendenti”.

La fonte ha aggiunto che alcuni dei datori di lavoro di Kim sono adolescenti e, se dovesse risultare che abbiano lavorato più di quanto stabilito dalla legge, potrebbe esserci un caso legato alle violazioni dei limiti imposti sul lavoro minorile.

Un duro colpo per la star di “A spasso con i Kardashian”, impegnata nella causa di divorzio con Kanye West: i due hanno annunciato la separazione a febbraio, dopo quasi sette anni di matrimonio.

E anche per Kanye non è un periodo roseo: pare che da gennaio stia affrontando due azioni legali collettive rischiando una richiesta di risarcimento danni pari a 30 milioni di dollari. L’accusa? Sembra non abbia pagato 1.000 artisti e lo staff che ha lavorato nel backstage di alcuni suoi spettacoli.
Le accuse fanno capo al mancato pagamento puntuale di centinaia di dipendenti o, in alcuni casi, alla mancata concessione degli stipendi per gli straordinari, i pasti e i benefits aziendali a cui avevano diritto.

Tags: Kanye west , Kim Kardashian