La furia di Fedez: “Stufo di essere perseguitato dal Codacons”

Un Fedez adirato ha pubblicato una serie di stories su Instagram contro il Codacons. “Ennesima raccomandata del Codacons. Abbiamo raccolto più di 5 milioni di euro a favore dei lavoratori dello spettacolo e riescono a paragonare la nostra racconta fondi a quella di Malika che si è comprata una Mercedes. Richiedono di procedere all’immediato sequestro. Fate schifo – ha sbottato – è incredibile che nessuno faccia niente per controllare voi, che cosa fate e come lo fate, sono stufo di essere perseguitato da voi pure quando le persone fanno del bene, vergognatevi, dovete vergognarvi”.

Il rapper ha poi continuato il suo infuocato discorso. “Cerco sempre di farmi una risata però si è arrivati ad un punto dove è davvero insostenibile questa cosa. Io ricordo che il Codacons, durante l’esperienza Covid nel primo lockdown, chiedeva i soldi alle persone con un banner con scritto ‘Donate per l’emergenza coronavirus’ quando i soldi andavano direttamente a loro che con l’emergenza sanitaria non avevano nulla a che fare. Questi hanno il coraggio di rompere i c…..i quando degli artisti hanno raccolto milioni di euro per aiutare i lavoratori dello spettacolo e fanno il paragone con la raccolta fondi di una ragazzina che si è comprata una Mercedes”.

Poi la conclusione, con i fogli della raccomandata lanciati per aria. “Come c…o è possibile che in questo paese sia possibile tutto questo? Io ho almeno una trentina di denunce, devo andare in tribunale per 30 volte con questi s…..i che intasano i pubblici uffici. Mi sono rotto il c…o. Non è possibile, non è possibile una cosa del genere”. Vi sembra sensato paragonale la raccolta fondi destinata ai lavoratori dello spettacolo con quella per Malika, che con i soldi raccolti si è comprata una Mercedes?

Tags: Codacons , Fedez