La nascita (e rinascita) di Maison Margiela, il brand più amato e discusso di sempre

Nel 1986, un giovane Martin Margiela, appena diplomato alla Royal Academy di Anversa, debuttava sulla passerella del designer di cui era assistente, Jean Paul Gaultier. Da quel momento, il suo volto è rimasto avvolto nel mistero che ha contribuito ad alimentare la curiosità attorno a lui, definito dalla stampa il “padre della destrutturazione”. Noto per riservatezza e genialità, nell’88 Martin, insieme a Jenny Meirens, fonda a Parigi Maison Margiela dove debutta con la prima collezione PE1989 e scrive un nuovo inizio per la moda. 

Un nome, una legenda: Martin Margiela è uno dei designer più elogiati, ma anche più controversi dell’ultimo secolo. Ha sconvolto i capi simbolo del guardaroba maschile e femminile, distruggendoli per ricostruirli, svuotandoli del loro valore sociale e creando qualcosa di nuovo e unico. Ha giocato con l’upcycling e le maschere che coprono il viso, forse un cenno autobiografico alla sua fuga dai riflettori. Radicale, rivoluzionario e profondamente amato. Un caso che il suo documentario sia stato lanciato su PornH*b? Anonimo anche nell’etichetta, la white label fissata da 4 punti agli angoli e, dal 1997, con una serie di numeri dallo 0 al 23 a indicare la categoria di appartenenza dei capi. Impossibile poi non nominare le Tabi, reinterpretazione di una calzatura giapponese ormai simbolo dell’amore della moda per le ugly shoes. 

Nel 2009 Margiela si ritira dalle scene e nel 2014 viene nominato direttore creativo della Maison uno dei couturier più amati e discussi di sempre: John Galliano. Dopo 4 anni di “purgatorio” per un presunto discorso antisemita che sembra essere stato il motivo del suo licenziamento da Dior, l’eccentrico e visionario designer muove i suoi passi nella Maison senza fare troppo rumore. Almeno fino ad ora. Con il suo ultimo show per la linea “Artisanal”, ovvero la couture di Margiela, Galliano ha fatto parlare, portando molto della sua storia e della sua visione di couture in passerella. Forse a discapito dell’eredità di Margiela? Ma con uno show carico di emozioni e di una couture come non si vedeva da tempo, però, possiamo dire all’unisono che il perdono, John Galliano, se l’è meritato. 

[📸Getty Images; Pool Marineau-ElHage, MAXPPP / IPA; Instagram: maisonmargiela 📹 Youtube: AKAIBU]

Tags: John Galliano , Martin Margiela , Maison Margiela