La proposta di Boris Johnson: tassare gli snack per combattere l’obesità

Introdurre una tassa sugli snack, zuccherati e salati, per permettere alle famiglie in Gran Bretagna di pagare 3,4 miliardi di sterline in più all’anno per le loro spese alimentari. È la proposta rivoluzionaria del primo ministro Boris Johnson. II prezzo degli alimenti zuccherati e salati potrebbe essere aumentato in base alle raccomandazioni delineate in un rapporto del governo britannico. Lo riporta il “Daily Mail”.

La popolazione inglese conta oggi circa 56 milioni di persone, il che significa che in media verranno aggiunte 60 sterline all’anno per ogni persona (240 per una famiglia di quattro persone). Nei piani della National Food Strategy, il denaro raccolto dalla tassa dovrebbe finanziare frutta e verdura e corsi di cucina che sarebbero prescritti dai medici di base del Servizio Sanitario Nazionale per affrontare il problema dell’obesità, largamente diffuso in tutto il Paese.

Le raccomandazioni sono state formulate dall’autore del rapporto, Henry Dimbleby, fondatore della catena di fast food Leon, convinto che la tassa proposta incoraggerà le aziende a rendere i loro prodotti più sani. Secondo il rapporto, le scelte alimentari non salutari costano all’economia 74 miliardi di sterline, esercitano una maggiore pressione sul servizio sanitario nazionale e hanno un impatto nei 64.000 morti all’anno del Paese. Dimbleby propone una nuova tassa di 3 sterline per chilogrammo sullo zucchero e 6 sterline per chilogrammo sul sale venduto all’ingrosso per l’uso in alimenti trasformati o in ristoranti e attività di catering. Il rapporto afferma: “Gli amministratori delegati delle principali aziende alimentari ci hanno detto in privato che non possono apportare questi cambiamenti senza l’intervento del governo. Hanno bisogno di condizioni di parità se vogliono iniziare a rendere i loro prodotti più sani, altrimenti la concorrenza semplicemente si sposterà verso di loro e li indebolirà”.

Tags: Boris Johnson , Gran Bretagna , obesità , snack