La titolare di un locale di Livorno invita i sostenitori di Giorgia Meloni a non frequentare il pub. È polemica.

«Noi i soldi di chi l’ha votata non si vogliono. Siete gentilmente pregati di essere coerenti con il vostro voto e di non frequentare più il nostro baretto di Invertite/Deviate». Sono queste le parole pubblicate su Facebook da “La Bua dell’Orate” – locale del litorale livornese -, poco dopo la vittoria di Giorgia Meloni alle elezioni politiche, e che hanno fatto scatenare le polemiche social. La proprietaria de “La Bua dell’Orate”, Romina Matarazzo, per spiegare la propria posizione, contattata da “Il Tirreno” – come da lei precisato -, ha dichiarato: «Sono omossessuale e da domenica sera sto male al pensiero di avere al comando del paese un’omofoba. Non voglio che si pensi che noi abbiamo un’idea distorta del concetto di democrazia. Il nostro è un pub aperto a tutti, però non ospita chi invece vota Meloni, per me sono liberi di farlo, ma infatti questa è solo una richiesta di coerenza, di non recarsi in un locale gestito da persone che la loro leader discrimina».

Anche se i commenti a favore non sono affatto mancati, quelli negativi sono stati molteplici e hanno accusato la Matarazzo di discrimazione e di “nuovo fascismo”. «Certe accuse mi hanno ferita molto. Io non ho proibito niente a nessuno, ho solo chiesto di essere coerenti con le proprie idee. Perchè uno che ha votato Meloni, che discrimina gli omosessuali, dovrebbe esser ben accetto nel nostro locale?» ha continuato.

La bufera social però sembra non essersi attenuata e Romina poche ore fa ha voluto pubblicare uno sfogo su Facebook: «Chi mi conosce sa come sono fatta, cosa volevo dire e come l’ho detto.
Non sono una codarda che si nasconde dietro un dito o che non si assume le proprie responsabilità ma devo ammettere che tutto questo è troppo grande per me e davvero non mi ci vedo in diretta nazionale o a fare altre interviste. Comunico a Voi e a tutti che all’ingresso del mio locale non c’è la richiesta del proprio voto, non ci ho mai minimamente pensato lontanamente.
Il mio locale è aperto a tutti, chi vuole è il benvenuto e verrà trattato come ho sempre fatto: nel migliore dei modi».

Tags: Elezioni , Giorgia Meloni , La Bua dell'Orate , Romina Matarazzo