“L’estate più calda”: intervista esclusiva a Pierpaolo Pretelli

Si è tenuto ieri venerdì 18 giugno l’evento organizzato all’hotel “Principe di Savoia” per celebrare l’uscita de “L’estate più calda”, singolo di Pierpaolo Pretelli feat Giorgina.
Intervistato da Santo Pirrotta, Pierpaolo ha raccontato ai microfoni di Whoopsee della sua passione per la musica, della nascita di questo progetto e dell’amore per Giulia che l’ha sostenuto fin dal primo momento.

«Siamo terzi su iTunes Italia, 24esimi in Brasile e ieri primi a Malta. Per me è un’emozione unica». Questi i risultati raggiunti da Pierpaolo nel giro di poche ore e adesso il cantante, emozionato e felice, può veder finalmente concretizzato il suo sogno, nato dalla passione per la musica che lo accompagna da sempre: «Fin da piccolo suonavo il pianoforte, poi diciamo che la vita mi ha fatto crescere un po’ più in fretta. Quindi ho dato priorità ad altre cose. Sicuramente non ho avuto modo di coltivare la passione per la musica […] La mia fissa era quella di scrivere anche perché fin da piccolo ho questa roba di creare le rime».

Pretelli ha raggiunto l’obiettivo, conferendo – letteralmente – piena voce alla sua passione. Tutto questo non sarebbe stato possibile senza il supporto, il continuo sostegno e l’amore della sua fidanzata Giulia Salemi: «È più emozionata di me. A tratti la vedo molto più coinvolta di me. Mi ha aiutato in tutto, in tutta la realizzazione del pezzo. Posso dire che il lavoro è stato 50 e 50. Come se fosse il suo e questo la rende speciale ai miei occhi, ancora di più di quanto già non lo sia». I due si sono conosciuti e innamorati nella casa del “Grande Fratello Vip”, un amore sbocciato sotto i riflettori, inaspettato e più vero che mai: «Io ormai ero scettico nell’amore. Non riuscivo più a innamorarmi, non riuscivo più a trovare una persona che potesse tenermi testa. Siamo molto simili […] Quello che mi ha fatto innamorare – oltre che è di una bellezza disarmante – è proprio la bellezza che ha dentro».

Tags: Giulia Salemi , L'estate più calda , Pierpaolo Pretelli