Matthew McConaughey dopo la sparatoria in Texas: “Non possiamo accettare queste tragiche realtà come lo status quo”

A seguito della sparatoria che in Texas ha visto un diciottenne uccidere 21 bambini e due adulti all’interno della Robb Elementary School, il premio Oscar Matthew McConaughey, originario dello stesso luogo nel quale si è consumata la tragedia, ha deciso di condividere un forte messaggio tramite il suo profilo Instagram.

«Come tutti sapete, oggi c’è stata un’altra sparatoria di massa, questa volta nella mia città natale di Uvalde, in Texas. Ancora una volta, abbiamo tragicamente dimostrato che non siamo responsabili dei diritti che le nostre libertà ci garantiscono» ha scritto l’attore, che aggiunge: «Il vero invito all’azione ora è che ogni americano si guardi allo specchio più a lungo e più a fondo e si chieda: “Che cosa apprezziamo veramente? Come possiamo risolvere il problema? Quali piccoli sacrifici possiamo fare individualmente oggi per preservare una nazione, uno stato e un quartiere più sani e sicuri domani?” Non possiamo espirare ancora una volta, trovare scuse e accettare queste tragiche realtà come lo status quo. Come americani, texani, madri e padri, è tempo di rivalutare e distinguere i nostri desideri dai nostri bisogni. Dobbiamo riorganizzare i nostri valori e trovare un terreno comune al di sopra di questa devastante realtà americana che è tragicamente diventata un problema per i nostri figli. Questa è un’epidemia che possiamo controllare, e indipendentemente da che parte stiamo, sappiamo tutti che possiamo fare di meglio. Dobbiamo fare di meglio. Occorre agire affinché nessun genitore debba sperimentare ciò che i genitori di Uvalde e altri prima di loro hanno subito. E a coloro che oggi hanno lasciato i loro cari non sapendo che era un addio, nessuna parola potrà comprendere o sanare la vostra perdita, ma se le preghiere possono fornire conforto, pregheremo».

Tags: Matthew McConaughey , Texas , Uvalde