Nara Smith e la SPF “from scratch”: boom di critiche su TikTok

Ormai tutti conoscono Nara Smith, la trad wife per eccellenza di TikTok, che con i suoi video in cui prepara ricette “from scratch”, ovvero da zero, ha raggiungo milioni di persone in tutto il mondo. È il suo marchio di fabbrica, basti pensare che per annunciare la sua terza gravidanza insieme al marito Lucky Blue Smith, ha detto che stava crescendo un essere umano “from scratch”.

@naraazizasmith 🤍 #fypツ #easyrecipe #sun #fromscratch #skincare #marriage ♬ Just Give Me One More Day – Alej

Dagli Oreo fatti in casa alla mozzarella, dal pane fino ai cereali, tutto da zero. Ma l’ultima ricetta della modella e content creator ha lasciato tutti spiazzati. Stiamo parlando dell’SPF, o più semplicemente la protezione solare, che nel suo ultimo video Nara Smith produce come sempre from scratch e con gli ingredienti presenti in cucina. Insieme al marito spiega la ricetta: un mix di olio di cocco, cera d’api, burro di karitè, burro di cacao, olio di jojoba e polvere di ossido di zinco, fusi e poi solidificati insieme. Il risultato ha soddisfatto la creator ma non molto il pubblico. 

Ma non sono stati solo gli utenti a criticare la ricetta, all’interno di un momento storico in cui l’attenzione per la qualità dei cosmetici è altissima, soprattutto nei confronti delle protezioni solari importantissime anche per la prevenzione. Sono stati anche diversi esperti di skin-care, infatti, ad affrontare il tema con “Glamour”, proprio dopo aver visto l’ultimo video di Nara Smith, e a sconsigliare di creare la propria SPF from scratch. Marisa Garshick, dermatologa certificata dal consiglio di New York City, ha detto alla testata: «La protezione solare fai-da-te dovrebbe essere evitata in quanto non c’è modo di sapere quanto sia efficace la formulazione e quanta protezione fornirà effettivamente. Può fornire un falso senso di sicurezza e lasciare qualcuno suscettibile alle scottature solari o al potenziale di irritazione». Adarsh Vijay Mudgil, dermatologo certificato dal consiglio e fondatore della Mudgil Dermatology di New York City, ha confermato quanto detto aggiungendo: «Molte cose applicate sulla pelle hanno un certo grado di SPF, compresi alcuni degli ingredienti usati da Nara. Ma questi possono essere un SPF 2 o 3, non SPF 30, che è quello che consiglio ai miei pazienti di usare, e idealmente uno con un componente minerale come il titanio o lo zinco».

[📸 Instagram: naraaziza]

Tags: SPF , Nara Smith , Crema solare