Re Carlo III avrebbe bandito il foie gras dalla tavola di tutte le residenze reali

Re Carlo III ha bandito il foie gras dalla tavola reale. Considerato una “tortuta in scatola” dagli attivisti per i diritti degli animali, questo cibo fu rimosso dalle residenza di Sua Maestà già nel 2008 quando da Principe di Galles, l’attuale sovrano ordinò agli chef di Clarence House di non usarlo.

A diffondere la notizia “Peta”, organizzazione no-profit di “Attivisti per il Trattamento Etico degli Animali”, che avrebbe inviato al re un cesto di “faux gras” realizzato dallo chef vegano Alexis Gauthier, come gesto di gratitudine.

Una portavoce dell’organizzazione ha raccontato: «In qualità di principe di Galles, re Carlo ha rimosso il foie gras – un prodotto spregevole per il quale anatre e oche vengono alimentate forzatamente fino a quando il loro fegato si gonfia fino a 10 volte rima che gli animali vengano macellati – dalle sue residenze reali». Sembra ora che questa decisione si sia “estesa anche a Buckingham Palace e a tutte le altre residenze reali”.

Elisa Allen, vicepresidente di Peta, ha inoltre dichiarato: «Peta incoraggia tutti a seguire l’esempio del re e a lasciare il foie gras fuori dal menu questo Natale e oltre» Il deputato del DUP per East Antrim, Sammy Wilson, ha twittato: «Una vera leadership da parte del re. La vendita e l’importazione di Foie Gras dovrebbero essere vietate nel Regno Unito. È ora che il Parlamento agisca».

L’Animal Welfare Party, dal canto suo, ha descritto la mossa come “progresso per i diritti degli animali” scrivendo che “il foie gras non ha posto nella società compassionevole e che la sua vendita e importazione nel Regno Unito deve essere vietata”.

Tags: bandito , foie gras , Re Carlo III