Ryan O’Neal, scomparso a 82 anni l’attore candidato agli Oscar per “Love Story”

È morto ieri, 8 dicembre 2023, Ryan O’Neal, l’attore che nel 1970 commosse il mondo e ottenne una candidatura agli Oscar come miglior attore con il film “Love Story” per problemi di salute relativi a una leucemia cronica diagnosticata nel 2001 e il cancro alla prostata scoperto nel 2012. A renderlo noto uno dei 4 figli dell’attore, Patrick – nato dal matrimonio con Leigh Taylor-Young – tramite un lungo post Instagram: «Ryan era un uomo molto generoso che è sempre stato lì per aiutare i suoi cari per decenni […]. Condividerò per sempre l’eredità di mio padre. Non sarò scoraggiato da voci esterne che dicono cose negative […]. Mi mancherai papà. Ti amo. Ti vogliamo bene. Nessuno ha mai raccontato una storia meglio di Ryan O’Neal», ha scritto.

Nato a Los Angeles il 20 aprile 1941, figlio dell’attrice Patricia Ruth Olga e dello sceneggiatore Charles O’Neal, Ryan O’Neal esordì a Hollywood all’età di 20 anni raggiungendo il successo mondiale negli anni ’70 con “Love Story”. Spaziò tra il cinema e la televisione, lavorando con grandi registi come Stanley Kubrick e John Korty. È stato sposato due volte: nel 1963 con l’attrice Joanna Moore, da cui ebbe due figli e da cui divorziò nel 1966. Pochi anni dopo sposò Leigh Taylor-Young, conosciuta sul set di “Peyton Place”, mentre dal 1979 al 1997 Ryan O’Neal fu legato all’attrice Farrah Fawcett. Dopo aver concluso la relazione nel 1997, i due si ritrovarono nel 2001 e rimasero insieme fino alla morte dell’attrice nel 2009.

[📸 IPA]

Tags: Ryan O'Neal