Sanremo 2024, Amadeus festeggia il successo della seconda serata in conferenza: “Il risultato di ieri è clamoroso”

Sanremo si ama e viene amato. I dati Auditel hanno confermato il successo del festival diretto da Amadeus, anche nella seconda serata, 60,1% di share. Ma non c’è tempo per fermarsi, perché dopo la gara – si sono esibiti 15 cantanti presentati dai 15 loro colleghi -, la commozione per Giovanni Allevi e la straordinaria performance di Giorgia, stasera è il turno di Teresa Mannino, nelle vesti di co-conduttrice. Ma sono attese sorprese anche stasera, giovedì 8 febbraio.

In apertura aprirà il coro dell’Arena di Verona che canta il “Va’ pensiero”, poi ci sarà Eros Ramazzotti per i 40 anni di “Terra Promessa”, Russell Crowe, che si esibirà con la sua blues band, Sabrina Ferilli, protagonista della fiction “Gloria” di Rai 1 dal 19 febbraio, Edoardo Leo, attore di “Il Clandestino”. E poi Gianni Morandi, sorpresa confermata. Ma ci sarà anche spazio per un momento importante dedicato alle morti sul lavoro, con Paolo Jannacci e Stefano Massini il dialogo in musica “L’uomo nel lampo”.

In grande spolvero la Mannino, che già mostra un assaggio dell’intesa con Amadeus. Scherza, punzecchia il conduttore artistico e dice di essere felice. «Negli anni passati mi era venuto in mente di farlo (Sanremo, ndr), poi a un certo punto questo desiderio si era sopito. Quando non ci ho pensato più mi ha chiamato Amadeus e questa cosa, sul momento mi è sembrato strano. Però una volta che sono nella macchina è molto divertente. È un po’ un gioco il fatto di essere qui, il fatto di essere dentro una cosa che fin da bambina guardavo anche io».

Amadeus è contento del record di ascolti anche della seconda serata: «Intanto ringrazio Giorgia per ieri sera, fantastica, come cantante la conosciamo ma devo dire che si è prestata a fare mille cose fino a notte fonda, andando a trovare Rosario fuori. Do il benvenuto a Teresa Mannino. Sono felice, è dire poco, il risultato di ieri è clamoroso, il 60% per una seconda serata non si è mai visto al Festival. Se riesci a mettere il 5 davanti hai fatto un Sanremo clamoroso, mi dissero al mio primo festival. Pensare di fare due sere di seguito il 60% è qualcosa di clamoroso, considerando che il regolamento è cambiato, perché le canzoni sono state tutte ascoltate nella prima serata».

Per il direttore artistico la presenza di Giovanni Allevi, ieri sera, è stata «una delle pagine più importanti secondo me, mi auguro siate d’accordo» della storia del festival, «che ci ha insegnato qualcosa che ognuno di noi in cuor suo sa, ma condividerla con lui non è una cosa da sottovalutare. Io sono orgoglioso di quello che è andato in onda. Non smetterò mai di ringraziare la musica, il 60% ieri l’hanno fatto i cantanti».

Grande attenzione nel corso della conferenza stampa è stata data al caso riguardante la gag con John Travolta. Ma c’è un record che Amadeus batterà stasera. 23 serate del Festival condotte consecutivamente in queste 5 edizioni. Nessuno come lui, nella storia, verrà superato Pippo Baudo, fa sapere un giornalista. «Sono contento, non lo sapevo, fa piacere perché questo rimane. Ma non penso mai ai record, a batterli, se questo accade ben venga. La felicità di questa sera è avere Teresa Mannino, per cui ho una stima immensa, avere lei, avere Gianni Morandi a sorpresa, oltre a Fiorello. Cioè gli amici e i cantanti in gara, è davvero tanta roba. Mi fa piacere festeggiare “Terra promessa” con Eros sul palco dell’Ariston. Mi auguro che anche questa serata piaccia al pubblico. Poi se questo ci permetterà di aggiungere un altro numero, ben venga».

L’emozione è tanta per Teresa Mannino, co-conduttrice per una notte, dopo Marco Mengoni e Giorgia: «Sono una specie di scheggia impazzita, non vedo l’ora di salire su quel palco. Sei preoccupato? (dice ad Amadeus, ndr). Sai qual è la cosa più bella? Che è in diretta, quindi io posso fare qualsiasi cosa e non mi possono tagliare». Ne vedremo delle belle?

Sul futuro, intanto, Amadeus conferma ogni giorno che passa la volontà di prendersi una pausa da Sanremo. Ma oggi ha bocciato anche l’idea di rimanere nelle vesti di direttore artistico e non di conduttore. «No, lo escludo. Su un programma televisivo, standard, lo puoi fare, lo farei. Su Sanremo no, Sanremo è una macchina troppo importante per dire “faccio la direzione artistica ma resto dietro le quinte”».

Stasera i restanti 15 cantanti in gara, associati agli altri 15 che hanno cantato ieri, che li presenteranno. Una formula che è piaciuta molto agli artisti, ideata da Amadeus per metterli ancor di più a loro agio. «Io fin dal primo Sanremo non ho voluto mettere i cantanti in una situazione di difficoltà, nessuna eliminazione, nessuna guerra. Per la mia visione di Festival non è quello che ho voluto fare».

[📸 Pool Sanremo / IPA]

Tags: Amadeus , conferenza stampa , Sanremo 2024 , Teresa Mannino