Sanremo 2024, i look della terza serata del Festival

Siamo ormai entrati nel vivo del Festival di Sanremo 2024. In quanti hanno già imparato tutte le canzoni a memoria? In fatto di look, invece, questa terza serata ci ha regalato momenti inaspettati e qualche cenno di colore in più rispetto a quanto visto nel corso dei giorni precedenti, dove il total black ha regnato sovrano tra gli outfit sfoggiati sul palco più famoso d’Italia. Complici i punti del Fantasanremo o semplicemente una scelta sicura?

Il menswear è, anche questa sera, contemporaneo e innovativo, raccontando la storia di una mascolinità giocosa che esce fuori dagli stereotipi con dettagli ricercati e d’alta moda. A partire dal completo in tweed con paillettes firmato Laneus indossato dal primo cantante in gara a esibirsi, Il Tre, che combina sartorialità e innovazione.

Presentato da Loredana Bertè, che continua il suo percorso stilistico con Valentino portando ogni sera sul palco il suo animo ribelle – ma anche dolce – proprio come quello degli abiti che indossa. Ieri sera, infatti, Pierpaolo Piccioli ha disegnato per lei un abito nero, rigorosamente corto. Con una piccola borsa crossbody e, ovviamente, i suoi iconici capelli blu ad arricchire il look, Loredana Bertè con la sua “Pazza”, non avrà portato in scena un outfit di cui si potrebbe dire lo stesso, ma con la sua coerenza e attualità, in fatto di stile e non solo, è ormai una delle nostre certezze al Festival.

Maninni ci ha sorpreso con un look firmato Antonio Riva composto da pantaloni sartoriali con pences dal fit morbido e vita altissima, insieme alla blousa caratterizzata da squame di tessuto.

I Bnkr44 si sono trasformati in dei cowboy grazie alle creazioni uniche di Laboratorio Ciclo Pelle, con look più e meno colorati che forse avevano l’intento di stupire più di quanto hanno realmente fatto una volta saliti sul palco tutti insieme, creando un po’ di confusione.

Ma non importa, perché poi è arrivata Clara, elegantissima e sinuosa in un lungo abito Andreādamo con drappeggio e ampia scollatura laterale.

Clara ha presentato i Santi Francesi, con cui ha condiviso il palco di Sanremo Giovani, arrivati con due completi black & white Dolce&Gabbana che sembravano completarsi. Il focus era tutto sulle camicie: una con ampio scollo caratterizzata da un nodo di tessuto sinuoso, l’altra con ampie e voluminose maniche, anche questa sera il duo ha incantato tutti. 

Dargen D’amico è la quota impegnata del festival, che con la sua canzone ha portato a Sanremo un tema importantissimo e look d’effetto forse un po’ troppo pop e letterali per sostenere la profondità dei suoi intenti. Firmato Moschino, anche quello indossato ieri sera scava negli archivi della Maison, interpretando un capo d’archivio dalla FW1994 del brand.

Mr Rain, citandolo, è stato un’altalena di emozioni in Fendi. Con un completo grigio dal finish satinato e spilla gioiello a esaltare il doppio petto, ha portato l’alta moda sul palco dell’Ariston.

È stato presentato da Rose Villain, che ieri sera si è trasformata in una Kim Kardashian italiana con una jumpsuit aderente balenciaga movimentata da intrecci di tessuto, illuminato da un make-up glowy e l’hairstyle wet, incarnando le tendenze del momento.

Big Mama sceglie ancora le perle come accessori, in contrasto con il lungo abito custom firmato Salvatore Vignola dal profondo scollo a V che esalta il suo décolleté.

Con Angelina Mango l’effetto sorpresa è assicurato. Continua la sua collaborazione con Etro con un set jacquard floreale: top cropped con cappuccio e gonna asimmetrica che incarnano lo spirito della Gen Z.

Ghali in Casablanca è uno dei look più commentati della serata, un po’ perché sembra citare il re del pop Michael Jackson, un po’ perché conferma la nuova tendenza glamour di Ghali che sembra aver definitivamente abbandonato lo streetwear.

Mahmood ha indossato Loewe, e se la sera precedente ha stupito in Rick Owens, questa sera il suo outfit ci ha fatto cadere nella cumbia della noia, per citare un’altra artista in gara. 

[📸 Valentino/SGPItalia]

Tags: outfit , Festival di Sanremo 2024