Social down, la risposta sarcastica di Fedez al Codacons

Ieri sera Facebook, Instagram e WhatsApp sono stati inutilizzabili per diverse ore. Un blackout che è costato quasi 7 miliardi di dollari a Mark Zuckerberg. Tra chi si è sentito perso certificando la sua “dipendenza” dai social e chi ha esultato considerando l’interruzione una boccata d’ossigeno, le reazioni sono state molteplici.

Tra queste, spicca quella del Codacons, che ha definito questo “down” dei social “una cura disintossicante per gli utenti, soprattutto per quelli iper-connessi e che hanno difficoltà a staccarsi dallo smartphone. Al di là degli innegabili disagi, il down di Instagram e di Facebook rappresenta una liberazione dallo strapotere degli influencer che in Italia dettano legge sui social network e bersagliano i propri follower di pubblicità martellanti – ha aggiunto il Codacons – Influencer che finalmente sono stati silenziati e, almeno per qualche ora, dovranno tacere e non potranno dire la loro su tutto e spesso a sproposito, o sponsorizzare i propri prodotti commerciali. Una vera e propria cura disintossicante il blackout odierno, che avrà benefici soprattutto per i più giovani e per quella fascia di utenti costantemente connessa e che ha difficoltà a fare a meno dello smartphone e dei social network”.

Una presa di posizione che non ha lasciato indifferente Fedez, da anni protagonista di una vera e propria battaglia con l’associazione dei consumatori. Su Twitter il rapper, che probabilmente si è sentito toccato dalle dichiarazioni del Codacons, ha commentato sarcasticamente: “Ahahahah volo nell’iperuranio senza Wi-Fi”.

Tags: Codacons , Facebook , Fedez , Instagram , Mark Zuckerberg , social , WhatsApp