The Gentlemen: la serie Netflix è un omaggio alla quintessenza del British Style

Se pensiamo al “British Style” le prime cose che ci vengono in mente sono i grandi classici come un soprabito Barbour, stivali da pioggia, quadri Principe di Galles, ma anche quel tocco eccentrico, la nota stonata, imperfetta, quasi di cattivo gusto, che ha reso lo stile britannico come una felice contaminazione, quanto mai attuale, di mix and matches, anche i più azzardati.

La nuova serie Netflix “The Gentlemen”, diretta da Guy Ritchie e già considerata uno dei grandi successi dell’anno, è una perfetta rappresentazione di quanto scritto sopra. LouLou Bontemps, costumista della serie, ha espressamente svelato tutte le sue ispirazioni per i personaggi, a partire dal costume da gallo, indossato dal personaggio di Daniel Ings, Lord Freddy Horniman, nel primo episodio; “Volevo creare qualcosa che fosse davvero drammatico per aumentare tutta l’intensità di quella scena perché è divertente, ma è anche davvero traumatico”, ha detto, facendo riferimento al costume di Elton John durante la performance di “Crocodile Rock” al “The Muppet Show” nel 1977.

La serie, uno spin-off basato sull’omonimo film di Ritchie del 2019, gioca sugli stereotipi delle comunità che si trovano all’interno del sistema di classe britannico e che Ritchie ha scandagliato nei suoi numerosi film, dai viaggiatori ai gangster gentiluomini; e sono proprio i costumi ad enfatizzare la personalità di ciascuno, costumi che vanno dal più classico stile britannico alle tute da ginnastica, come quelle di Sergio Tacchini, grande must have del luxury sportswear del nord dell’Inghilterra.

Il protagonista della serie, Edward “Eddie” Horniman, il nuovo decimo duca di Halstead interpretato da Theo James, sfoggia episodio dopo episodio dei veri capolavori sartoriali; che sia nelle sue veste iniziali da ufficiale delle Nazioni Unite fino a diventare un gangster gentiluomo, i look sono sempre azzeccatissimi e sono composti da giacche Barbour, cappotti e completi smoking. Anche la scena del funerale rappresenta un vero e proprio fashion show, e la Bontemps ha affermato di essersi ispirata ad un’icona come Daphne Guinness, eclettica, sorprendente, scioccante, ma anche ad un editoriale di Steven Meisel per Vogue Italia a tema “Mafia Funeral”.

Ultime fonti d’ispirazioni, ma non meno importanti, Kate Middleton e Megan Markle, in particolare al funerale della regina Elisabetta II; in The Gentleman i look femminili sono infatti un perfetto mix tra la tendenza “Mob Wife” e lo stile “Old Money”, come si può ritrovare nel personaggio interpretato da Kaya Scodelario, Susie Glass.

Infine, tantissima ricerca vintage, tra mercati second hand e dell’antiquariato; anche questo, un approccio tipicamente british, dove sartorialità estrema e kitsch, vintage e lusso, praticità e iperdecorativismo convivono insieme dando forma ad uno spartito irripetibile ed unico.

[📷 Instagram: netflixit]

Tags: The Gentlemen , Guy Ritchie , British Style