“Tutti tranne te” sono fidanzati? Allora dovresti correre a vedere la nuova rom com con Sydney Sweeney e Glen Powell

Se dovessimo riassumere con una frase la rom com “Tutti tranne te” (Anyone but you) in uscita il 25 gennaio, potremmo utilizzare una semplice frase: «C’entra molto l’odio, in tutto questo, ma ancor più l’amore». Ok, non è una nostra citazione, ma abbiamo chiesto un prestito al grande Shakespeare per tradurre tutto quello che succede nei 103 minuti diretti da Will Gluck, lo stesso regista di “Amici di letto”, a cui probabilmente piace ricordare al pubblico cosa significa avere le farfalle nello stomaco. E per farlo, questa volta, usa il profumo dei toast al formaggio, di quelli buoni, fatti con il burro, quelli che filano, quelli che ti fanno dire “Che bella la vita”. Poi ovviamente se il toast al formaggio ha questo accompagnamento…

E poi lo fa mettendo sul grande schermo Sydney Sweeney e Glen Powell che contribuiscono a rendere la trama sempre più coinvolgente. 

(La trama sempre più coinvolgente:)

I due protagonisti infatti si conoscono per caso in un bar, si amano, poi si odiano, poi si incontrano di nuovo a un matrimonio dove finiscono per amarsi (per finta), poi si odiano di nuovo e poi… No spoiler!
A rendere la storia ancora più complessa, ci pensano i genitori che spingono Bea, interpretata da Sydney Sweeney, tra le braccia del suo ex mentre Ben, aka Glen Powell, viene scioccato dalla visione della sua vecchia fiamma, apparsa davanti ai suoi occhi senza alcun preavviso. Eppure, ve lo confermiamo, nella rom com che ha fatto impazzire TikTok, si arriva anche a un giro di boa e capirete quando avverrà visto che… c’è letteralmente una boa in scena. Alleghiamo prova.

Ha contribuito alla svolta anche una canzone che tutti probabilmente avevano nel proprio iPod nel 2004. Si tratta di “Unwritten”, la serenity song che il protagonista Ben ascolta quando sente il cuore battere forte forte forte ma non è amore, è solo ansia, quella che ti fa credere che stia andando tutto male.

“Feel the rain on your skin
No one else can feel it for you
Only you can let it in
No one else, no one else”

Una sorta di “Carpe Diem Pop” che ti ricorda di amare oggi perché domani chi lo sa se trovi quell* che ti prepara il toast al formaggio, uno di quelli fatti bene. 

[📷 Courtesy of Sony Pictures Entertainment]

Tags: Sydney Sweeney , Tutti tranne te , Glen Powell , Anyone but you