USA: La Corte Suprema ribalta la sentenza sull’aborto “Roe v. Wade”

La corte Suprema degli Stati Uniti ha ufficialmente ribaltato la storica sentenza “Roe v. Wade”, annullando il caso che garantisce – ed è alla base – dei diritti all’aborto negli Stati Uniti dal 1973. Ora ogni Stato sarà dunque libero di applicare le leggi che ritiene opportune in materia.

«Tristemente milioni di donne hanno perso oggi una tutela costituzionale fondamentale. Noi dissentiamo» hanno dichiarato i tre giudici liberal Sonia Sotomayor, Elena Kagan e Stephen Breyer. Sono sei, invece, i giudici conservatori che hanno votato a favore.

«Da più di un mese sapevamo che questo giorno sarebbe arrivato, ma questo non lo rende meno devastante» ha twittato Barack Obama riprendendo le dichiarazioni rilasciate poco prima della sentenza. «Se la Corte Suprema alla fine deciderà di ribaltare il caso storico di Roe v. Wade, allora non solo annullerà quasi 50 anni di precedenti, ma relegherà la decisione più intensamente personale che qualcuno può prendere ai capricci di politici e ideologi».

Come sottolineando da Obama, la decisione si respirava nell’aria già da tempo. Il 5 maggio 2022 si è tenuto uno degli eventi più famosi di “Variety”, il Power of Women, volto a premiare le donne che si sono distinte nella lotta e sensibilizzazione verso alcune tematiche di rilievo. Tra queste Camila Cabello che approfittò dell’occasione per dire la propria sulla questione.

«È atroce. Ovviamente colpirà di più le donne povere, perché le donne che hanno risorse, anche come me, saranno in grado di gestire le cose se saranno necessarie. L’idea di avere un momento che trasformi il corso della vita di una donna è tragica. Ed è tragico [che] le persone colpite non abbiano voce in capitolo».

Tags: aborto , corte suprema , ribaltata sentenza , Roe v. Wade , USA