Versace, il libro del fratello Santo in memoria di Gianni

Si chiama “Fratelli. Una famiglia italiana“ ed è il libro autobiografico scritto da Santo Versace che ricorda anche la tragica morte del fratello Gianni. Intervistato da Mara Venier, l’imprenditore ha presentato in anteprima il libro edito Rizzoli che celebra la famiglia e il fratello compianto. Gianni Versace è stato ucciso il 15 luglio del 1997 sugli scalini d’ingresso della sua villa a Miami, per mano del serial killer Andrew Cunanan. “Ho scritto questo libro per chiudere un’epoca, soprattutto la tragedia di Miami. Avevo la gestione di tutto, tutto quello che non appariva lo gestivo io. Gianni gestiva dall’inizio della collezione alla sfilata e la comunicazione. Il resto era tutto compito mio” ha dichiarato Santo.

Ma ci sono anche dichiarazioni che colpiscono al cuore. Il fratello ha rivelato di aver dormito per 4 anni nel letto del fratello, nella villa al Lago di Como, come per “recuperarlo, riprenderlo” con sè. Inoltre, viene svelato anche che Gianni non avrebbe mai dovuto trovarsi a Miami, il giorno della sua prematura dipartita. Infatti, quella settimana avrebbe dovuto recarsi a Parigi per incontrare la sua famiglia per poi raggiungere Elton John in Costa Azzurra.

“Non era previsto Miami e non era prevista la sua fine. Lui mi diceva sempre “io sono più giovane di te, io sono immortale, quando non ci sarai più mi occuperò dei tuoi figli“. Quando arrivò la notizia la mia risposta fu secca, Gianni non è morto, Gianni è immortale!” ha concluso in diretta Santo Versace.

Tags: Andrew Cunanan , autobiografia , Donatella Versace , Fratelli una famiglia italiana , Gianni Versace , libro , Miami , omicidio Versace , Santo Versace , Versace