Wimbledon: diversamente da altri tornei non userà termini di genere neutro per i raccattapalle, continueranno a chiamarsi ball boys e girls

“Always like never before” è lo slogan per questa edizione del torneo di Wimbledon, eppure alcune cose sono destinate a rimanere come sempre. Secondo quanto riportato oggi, domenica 30 luglio 2024, dal “The Guardian”, il celebre torneo britannico non sarebbe disposto a usare termini gender neutrale per i raccattapalle: continueranno a chiamarsi ball boys e ball girls.

La notizia fa scalpore soprattutto perché paragonata agli altri tre Grand Slam, che hanno invece preso la decisione di usare appellativi senza alcuna identificazione di genere per questo ruolo. Per gli US Open, infatti, l’appellativo è quello di ball crew, mentre per gli Australian Open e gli Open di Francia si chiamano ballkids.

Modernissimo dal punto di vista delle infrastrutture, per quanto riguarda le questioni di genere si potrebbe dire che Wimbledon non sia proprio tra gli innovatori. Il torneo è stato, infatti, insieme a quello francese, l’ultimo tra i Grand Slam ad assegnare lo stesso premio in denaro per donne e uomini, a seguito di una lettera aperta firmata da Venus Williams al “New York Times”, nel 2007. Ma anche la pratica di riferirsi ai giocatori in campo come Mr, Miss o Mrs, per fare un altro esempio, è stata interrotta nel 2019, a seguito di una lettera pubblicata sempre dal “New York Times” l’anno precedente.

[📸 ABACA / IPA]

Tags: Wimbledon , Ball boys , Ball kids