Woody Allen in una nuova intervista: “Tutto il romanticismo del cinema è sparito”

In una recente intervista rilasciata ad “AirMail”, Woody Allen si è aperto riguardo il proprio disincanto riguardo le attuali modalità della distribuzione cinematografica affermando in particolare che, a detta sua, tutto il romanticismo del cinema sarebbe ormai scomparso.

«Non mi importa se [i miei film] vengono distribuiti qui o no» ha infatti affermato il regista, attore, sceneggiatore, comico, scrittore e commediografo statunitense riferendosi ai problemi avuti in passato con la distribuzione in Nord America dopo – come riporta il “Daily Mail” – anni di problemi di immagine nel movimento Me Too. «La distribuzione non è più quella di una volta. Ora la distribuzione è di due settimane al cinema… e poi basta. Voglio dire, Annie Hall ha recitato nei cinema di New York per poco più di un anno. Sarebbe rimasto in un cinema per sei, sette mesi, poi qualcuno lo avrebbe ripreso e sarebbe rimasto in giro per altri mesi. L’intero business è cambiato, e non in modo allettante».

Lo scorso settembre, a causa proprio delle accuse ricevute in passato, per Woody Allen non erano mancate anche contestazioni provenienti da un gruppo di femministe durante la passerella sul red carpet dell’80esima edizione del Festival del Cinema di Venezia.

[📷 MediaPunch, BACKGRID / IPA]

Tags: Woody Allen