Y/PROJECT: il layering più cool che suscita sempre un “effetto sorpresa”

Y/PROJECT è senza dubbio uno dei brand di spicco della moda parigina. Dalla nomina di Glenn Martens come direttore creativo nel 2013, il brand ha sempre mixato dettagli concettuali e inventivi con proporzioni giocose e una rivisitazione mai banale di riferimenti storici.
In questi 10 anni di direzione creativa, Martens ha sempre posto l’accento sull’individualità e l’indipendenza, fondendo l’energia dello street wear con silhouette stimolanti, un’interpretazione unica della mascolinità e della femminilità che combina sapientemente riferimenti eccentrici con look unisex che trascendono la versatilità.

Da riferimenti che vanno dall’arte, dai paesaggi di Bruges (la città di nascita di Glenn) fino all’architettura di Venezia (la città del cuore del designer), Y/PROJECT riesce a reinterpretare i codici della sartorialità, spesso giocando anche con pezzi daily come jeans o felpe e deformandone alcuni aspetti con un tocco assolutamente unico.

L’effetto layering è senza dubbio uno degli strumenti più utilizzati dal brand per creare capi versatili e dal forte impatto visivo; un utilizzo che ha caratterizzato il brand e la sua estetica sin dagli esordi della sua carriera. Non sarà passata inosservata una delle t-shirt più iconiche, la “Quadruple” t-shirt: ben quattro t-shirt che diventano una sola.

Un divertente escamotage, la maglia è composta da quattro semplici t-shirt girocollo in cotone oversize, cucite insieme, e il dettaglio che fa la differenza è senza dubbio la possibilità di poterla indossare ogni volta attraverso un collo diverso. In questo senso ogni maglietta risulta funzionale anche se il risultato finale resta comunque un indumento unico.

Anche le ultime collezioni FW24/25 del marchio non hanno tradito le aspettative per gli amanti del layering style. La collezione, la cui campagna ha visto protagonista anche un inedito Kanye West, mostra perfettamente l’abilità di Martens di giocare con le proporzioni e con le sovrapposizioni: denim su denim e con dettagli di tessuti diversi, stivali oversize effetto peekaboo, tasche e cerniere tromp l’oeil, felpe giustapposte, tutto è tridimensionale ma soprattutto niente è quel che sembra.

“L’effetto sorpresa” è garantito con Y/PROJECT, ed è ciò che ha sancito il suo definitivo successo nel panorama della moda sperimentale internazionale.

[📷 yproject.fr]

Tags: Glenn Martens , Y/Project , layering